Stampa

CONCORSI - POSIZIONE UILSCUOLA

Postato in News

Turi: assunzioni in ruolo su tutti i posti disponibili e vacanti
La scuola italiana ha bisogno di personale di ruolo ora e subito e il concorso ordinario non è utile a questo fine. Quattro proposte praticabili per il prossimo anno scolastico.

Confermare i precari negli attuali posti e procedere alla stabilizzazione con concorsi riservati per titoli: questa la proposta Uil Scuola per docenti e ATA, compresi i Dsga facenti funzione, che contribuiscono da anni al funzionamento del sistema scolastico.

Serve una gestione dell’emergenza capace di dare risposte concrete alle persone, adatte alla scuola, utili per gli studenti – sottolinea il segretario generale della Uil Scuola, Pino Turi che anticipa i temi del confronto di domani sui concorsi.

Quattro mosse chiare, ribadisce Turi:

  • coprire con personale di ruolo tutti i posti attualmente disponibili e vacanti. Superando le previsioni attuali di 24 mila.
  •  procedere attraverso una selezione per soli titoli, con un esame finale a conclusione dell'anno di formazione e prova.
  •  analoga procedura sarà rivolta ai Dsga facenti funzione
  •  tutte le disponibilità che si determineranno negli anni successivi, andranno al concorso ordinario.

Questa è l'unica strada percorribile per avere il personale di ruolo in cattedra già a settembre, l’unica strada che garantisce continuità e la possibilità di superare questo lungo periodo di epidemia – aggiunge Turi.
E' anche l'unica maniera per mettere al centro gli studenti come chiede il ministro.

Per la Uil non ci sono le condizioni per bandire concorsi. Per molte ragioni: i tempi del bando e dell'espletamento dei concorsi non consentiranno ai vincitori di essere in cattedra prima di diversi anni.
Ci saranno problemi organizzativi derivanti dalla pandemia, si dovranno mantenere le distanze sociali e le nostre strutture non sono tutte adeguate. Sarà complicato reperire le risorse necessarie per retribuire i commissari d'esame e, se si vuole veramente fare presto e bene, dovrebbero essere esonerati docenti e presidenti con soldi che non ci sono. Le Università sono chiuse. Bandirli oggi escluderebbe moltissimi candidati che non hanno avuto modo, a causa dell'emergenza che non ha consentito alle università di mantenere la normale programmazione, di conseguire l'acquisizione dei 24 Cfu che sono il presupposto per parteciparvi.

In sostanza: i concorsi ordinari non vanno banditi ora, vanno rinviati ad un momento successivo, quando le condizioni del Paese e della scuola torneranno alla normalità.

La Uil non è contraria per pregiudizi ideologici – afferma Turi - ma ora servono decisioni che permettano alla scuola di superare bene l’emergenza. Bisogna decidere. Poi andrà riaperta una discussione seria sul reclutamento e le procedure concorsuali che, fino ad oggi, non hanno dato prova di terzietà e di garanzia, visto che tutti i concorsi sono finiti nel raggio della magistratura. Ultimo quello dei dirigenti scolastici, ancora sub judice.

Sarebbe meglio evitare lo storytelling del merito – conclude Turi - specie se si affida questa selezione ad un concorso dove l'àlea del superamento somiglia molto a quella di una lotteria.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione considereremo accettato il loro uso. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information